Ma se i tuoi jeans rovinati diventassero un accessorio glamour? Oppure una borsa?

Questa è l’idea che ha guidato i ragazzi della classe 3^Q del Liceo Economico Sociale nella realizzazione del progetto “Ariosto InVeste”, con cui mercoledì 25 maggio hanno vinto il primo premio al concorso “…per un pugno di idee”, promosso dall’Unione Province d’Italia, nell’ambito del “Festival della Sostenibilità Ambientale”.

L’obiettivo di “Ariosto InVeste” è quello di promuovere un’attività di riciclo sostenibile di abiti usati, trasformandoli in capi o accessori nuovi e unici, rendendo concreti i principi di circolarità, grazie ai quali il singolo prodotto al termine del suo utilizzo non è visto come un rifiuto, ma come una risorsa riutilizzabile.

Nel mondo della scuola però i progetti non sono mai fini a se stessi, quindi ecco che si aggiunge l’aspirazione di diffondere tra gli studenti, e attraverso gli studenti, la consapevolezza e la sensibilità rispetto alle problematiche legate alla fast fashion. In particolare sono stati affrontati gli aspetti dell’utilizzo di risorse, dello sfruttamento del lavoro, dell’impatto ambientale non solo in fase di produzione, ma soprattutto di smaltimento dei capi non più utilizzati nell’ottica di promuovere nuove abitudini e scelte differenti, più sostenibili, rispettose dell’ambiente e che favoriscano una maggiore equità.

Alla base del progetto c’è inoltre un preventivo e ampio lavoro di ricerca sugli aspetti problematici della produzione di abbigliamento su vasta scala ed una piccola indagine tra gli studenti del liceo, per sondare la sensibilità sul tema ed il grado di interesse rispetto al progetto stesso.

Il lavoro ha coinvolto tutti gli studenti, divisi in piccoli gruppi dove ognuno ha messo a frutto le proprie personali attitudini e competenze, ma ha funzionato grazie allo spirito di unione e collaborazione di tutta la classe e alla preziosa collaborazione con Confcooperative, che ha supportato il lavoro di pianificazione e ricerca nell’ambito del progetto “Scoop”.

Ed ora? Il premio servirà per lo sviluppo concreto dell’idea, partendo dalla conoscenza di progetti simili, che già sono stati realizzati e cercando un’impresa del territorio che si faccia carico di trasformarla in un “Green Business”.

Link al video 

https://drive.google.com/file/d/11MFDWEP7YDZG7lTHw2a-MnN3fcbUdQzs/view?usp=sharing

 

La classe 3Q al momento della premiazione