Quest’anno scolastico per la prima volta gli studenti del Liceo Ariosto hanno partecipato al Premio Asimov (https://www.premio-asimov.it/), un riconoscimento riservato ad opere di divulgazione e di saggistica scientifica particolarmente meritevoli. Protagonisti sono sia gli autori delle opere in lizza che migliaia di studenti italiani, che decretano il vincitore con i loro voti e con le loro recensioni, a loro volta valutate e premiate.

Il Premio, intitolato allo scrittore Isaac Asimov, autore di un impressionante numero di opere di divulgazione scientifica, intende avvicinare le giovani generazioni alla cultura scientifica, attraverso la valutazione e la lettura critica delle opere in gara. Nasce da un’idea del fisico Francesco Vissani, che si è ispirato ad analoghe iniziative della Royal Society. Inizialmente istituito dal Gran Sasso Science Institute (GSSI) dell’Aquila, grazie alla collaborazione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e di molte altre realtà scientifiche, si qualifica oggi come Premio di livello nazionale. L’attività di lettura, analisi e recensione delle opere in gara da parte degli studenti viene riconosciuta come percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO).

In Emilia Romagna ben 18 scuole hanno aderito all’iniziativa e anche la partecipazione del Liceo è stata molto nutrita: studenti di 8 classi dei diversi indirizzi dell’istituto e alcuni a carattere individuale hanno scritto e inviato 164 recensioni dei cinque liberi in gara:

  • Paolo Alessandrini con Bestiario matematico
  • Marco Ciardi con Breve storia delle pseudoscienze
  • Agnese Collino con La malattia da 10 centesimi
  • Paul Sen con Il frigorifero di Einstein
  • Licia Troisi con La sfrontata bellezza del cosmo

Davvero ottimi i risultati conseguiti: i testi di Anita Fugagnoli (4M), Sara Zerbini (3M) e Elisabaeth Ofoelo Amarachukwu (4M) sono stati giudicati i tre migliori nella classifica regionale per Il frigorifero di Einstein. Altre 31 recensioni hanno ricevuto inoltre una menzione per avere conseguito una valutazione pari o superiore a otto su dieci.

I voti di tutti gli studenti partecipanti hanno decretato il vincitore per il 2022 annunciato venerdì 12 maggio: prime classificate sono risultate Agnese Collino e Licia Troisi, un ex equo tutto femminile che dimostra l’importante ruolo delle donne nel mondo della scienza. Il Premio Asimov si è dunque rivelata un’esperienza molto formativa che ha consentito di intrecciare e coniugare la lettura e la scrittura con argomenti di carattere scientifico, stimolando nei ragazzi competenze trasversali e spirito critico.